mercoledì 15 maggio 2013

Discutibili sensi unici & eroi improvvisati


Abito in un senso unico.
Ho appena discusso con un incivile che andava contromano.
Ero sul mio balcone e vedo questo coatto con la maglia con scollo a v e i pettorali pompati da non so quale sostanza, occhiali da sole, nella sua fighissima auto dagli interni in pelle rosso fuoco.
Insomma, il tipo si fa largo nel traffico a suon di clacson, spavaldo costringe l'utilitaria (che procede nel giusto senso) ad accostare sul lato per fargli strada quando io gli faccio notare che sta andando nel senso opposto e lui dall'interno della sua auto mi fa:
 -E secondo te so' cieco che non l'ho visto?-
Gli ho risposto che le possibilità erano 2: o era cieco o era cretino e alle due avrebbe dovuto preferire la prima.
Sto tipo tira il freno a mano e scende dall'auto, bloccando il naturale decorso delle altre auto.
Si mette a sbraitare e dopo avermi detto di tornare dentro a fare la calzetta (attività in cui non trovo l'alienazione e il disgusto sessista che ci ha trovato lui) ho carinamente risposto che l'Italia è un paese che va in malora grazie alle persone come lui che si sentono onnipotenti grazie ad un' auto di grossa cilindrata sotto il culo.
Così l'eunuco mi ha risposto che
saliva sul balcone e mi faceva a pezzi, poi essendosi accorto delle mie fattezze femminili mi fa:
-Io le donne non le tocco ma tuo marito lo sgozzo!-
Mio marito ascoltando la conversazione ha chiamato i carabinieri (che non sono arrivati ma passati di qui solo a situazione conclusa).
Ho preso la targa.
E gli ho intimato che se non vuole essere la causa della precoce estinzione del genere umano farebbe meglio a pensarci due volte la prossima volta che la sua residua materia grigia lo inducesse ad imboccare contromano un FOTTUTISSIMO senso UNICO!


 Ho ancora del nervoso residuo, ma sono felice di aver salvato l'umanità!