giovedì 28 marzo 2013

Diario di una donna MESTRUATA

Vorrei una nuova caccia alle streghe.
In pieno stile medievale, con tanto di rogo e torture ad hoc.
A bruciare questa volta non devono essere le spasmodiche donne che stringono patti con il diavolo ma quella masnada di saltellanti e gioiose donne che si crede invincibile dopo che lo smalto è asciutto sulle proprie unghie. (allego prove utili al falò)

 


 Ora non vorrei sembrare incivile ma          se        qualcuno mi costringe ad esserlo non posso di certo esimermi dal prendere una mazza da baseball e colpire con nochalance in pieno volto tutte coloro che condividono o soltanto pensano una roba del genere.
Punto numero uno: gli uomini sono così fottutamente "evoluti" nel loro predominio che se fossero stati loro a sanguinare da qualche orifizio del loro corpo una volta al mese sicuramente avrebbero fatto in modo di poter essere liberi di farlo in qualunque posto a qualsiasi ora senza espedienti quali pannolini che spiccano o meno il volo, tappi utili per lo chardonnay non finito a cena, imbutini raccogli copertura di utero liquefatta che hanno dell'osceno.
Donne ammettiamolo!
C'è una ragione se loro portano i
loro peli con fiera disinvoltura!
Che poi (punto numero due), sarò io l'insensibile ma l'idea di essere stata una matrioska per nove mesi, che non arriva alle stringhe delle scarpe e lava i denti nella vasca da bagno perchè lo sputo del dentifricio finisce inevitabilmente sull'ombelico, non è poi così romantica\dolce\MinyPony  come tutti pensano che debba essere.
La realtà dei fatti è che un alieno deve uscire da un buco che ha fatto entrare una cosa nettamente più piccola; scusatemi ma è una fregatura!
Che cosa diavolo è saltato in mente a madre Natura! Voglio dire non era più comodo deporre un uovo di una dimensione accettabile? Lo lasci lì, ti fai le tue cose, puoi costringere il partner a covarlo e nel frattempo puoi anche legare i lacci delle scarpe e sputare comodamente il dentifricio nel lavabo.
Punto numero tre:
la donna che pulisce, lava, nel frattempo parla con l'amica al telefono, con un ginocchio lustra il pavimento e con l'altro mette e toglie la cera è un mito!
Ho incontrato un unicorno una volta, ma una donna di quelle NO!
Io ci ho provato e il risultato è stato che la lavatrice ha fatto diventare le mutande di mio marito di quel rosa shabby chic tanto bello che volevo farci le tendine per casa!
Punto numero quattro:
 gli uomini hanno portato i tacchi come noi ai bei tempi di Re Luigi XIV  e c'è certamente una ragione se hanno smesso di indossarli, cosa dite?!Perchè sono armi di distruzione di massa!
In aggiunta per una madre indossare dei tacchi equivale al suicidio coatto: come lo rincorri un bambino di 90 cm che si infila tra la folla su un tappeto instabile di sanpietrini eh?eh?
Non puoi. Muori EBBASTA!
Concludo con il punto numero cinque
dove simpaticamente ti lasciano credere che le donne passino 3\4 della loro vita a piangere:ebbene no!
Io passo i 3\4 della mia vita a cercare di trattenermi dal dare sprangate in faccia a persone come quelle che condividono quelle stronzate lì sopra,passo la maggior parte della mia vita a studiare modi per ammazzare mio marito e contemporaneamente convincermi di non farlo!
Ok, si lo ammetto,  anche io ho pianto guardando TITANIC.
Ma è logico, come si fa a sopportare una roba melensa del genere per tipo 3 ore? O ti strappi i capelli o dai fuoco al cinema o piangi! E  poi se io facessi del sesso in un'auto novecentesca dentro la stiva di una nave (che sta per affondare) ne uscirei come minimo con il nervo sciatico infiammato, tutto ciò non è credibile!

Insomma concludo semplicemente dicendo:
Ricordate uomini che le "...donne possono sanguinare una settimana e non morire..." ma possono sicuro ammazzare qualcuno in quella settimana!